F1
TastoEffeUno.it

La "Guida in linea" sul Web!

Quiz Consulente ADN per la sicurezza del trasporto di merci pericolose per vie navigabili interne

Specializzazione Esplosivi

Quesiti RANDOM

576. L’etichetta di pericolo modello n° 1.5 può indicare:

materie e oggetti esplosivi appartenenti alla divisione 1.5

materie e oggetti esplosivi appartenenti ad una delle prime 5 divisioni della classe 1 RID/ADR/ADN

materie e oggetti esplosivi appartenenti al gruppo di compatibilità 1.5

572. Che cosa si intende per sovrimballaggio nell’ambito della classe 1?

Ad esempio un pallet predisposto da un solo speditore, sul quale sono posti più colli racchiusi da un foglio di polietilene

Ad esempio un involucro utilizzato da un solo speditore per riunire in una sola unità di maneggio una spedizione di almeno due colli

Un imballaggio più robusto dei normali che può contenere materiali esplosivi

568. L’esplosione:

è un fenomeno di trasformazione chimica o chimico-fisica che avviene in tempo rapidissimo

può essere specificata distinguendo tra i termini “deflagrazione” e “detonazione”

può essere indicata anche con il termine flemmatizzazione

564. Quali materie ed oggetti esplosivi della Classe 1 devono essere accettati al trasporto?

Le materie e oggetti esplosivi per i quali lo speditore fornisce un’attestazione di trasportabilità

Anche quelle senza una designazione conforme all’ADR/RID/ADN ma che, con autorizzazione dell’autorità competente sono state inserite in una rubrica “Materie o oggetti esplosivi n.a.s. ” prevista dall’ADR/RID/ADN

Solo quelle elencate nominativamente nella Classe 1 che, perciò, è definita come classe “limitativa”.

560. Quali sono le caratteristiche principali richieste agli imballaggi della classe 1:

devono sopportare i normali carichi previsti durante l’accatastamento, senza che venga compromessa la loro solidità e conseguentemente la protezione del loro contenuto

devono proteggere materie ed oggetti, impedire perdite e non provocare aggravamento del rischio d’innesco

devono poter resistere ad un incendio che li coinvolga per 10 minuti senza esplodere

556. Un esplosivo primario è:

un esplosivo che serve da base per la fabbricazione degli altri esplosivi

l’esplosivo più sensibile ai differenti modi di eccitazione

l’esplosivo impiegato per innescare la carica esplosiva principale (p. es. il fulminato di mercurio, l’azoturo di piombo o lo stifnato di piombo)

552. La divisione 1.6 comprende:

materie e oggetti comportanti un rischio di esplosione in massa

oggetti estremamente poco sensibili, non comportanti un rischio di esplosione in massa, che presentano una probabilità trascurabile d’innesco o propagazione accidentale

materie e oggetti comportanti un rischio di incendio con leggero rischio di spostamento d’aria o di proiezione o di entrambi, ma senza il rischio di esplosione in massa

548. La divisione 1.2 comprende:

materie ed oggetti comportanti un rischio d’esplosione in massa

materie ed oggetti che presentano un pericolo basso di esplosione in caso di accensione o innesco durante il trasporto

materie ed oggetti comportanti un rischio di proiezione senza rischio di esplosione di massa

577. L’etichetta di pericolo modello n° 1.6 può indicare:

materie e oggetti esplosivi appartenenti alla classe 1, ordinale 6°

materie e oggetti esplosivi appartenenti ad una delle prime 6 divisioni della classe 1 RID/ADR/ADN

materie e oggetti esplosivi appartenenti alla divisione 1.6

573. Sui colli di merci pericolose della classe 1 RID/ADR/ADN:

si deve trovare sempre l’etichetta o le etichette prescritte per la materia o oggetto contenuta/o nell’imballaggio nonché il numero di identificazione ONU e la denominazione RID/ADR/ADN della materia od oggetto esplosivo

oltre all’etichettatura, devono essere riportate le iscrizioni del numero di identificazione ONU e una delle denominazioni della materia o dell’oggetto riportate nel RID/ADR/ADN

deve essere sempre indicata la denominazione RID/ADR/ADN della materia o dell’oggetto esplosivo

TastoEffeUno.it

Webmaster & designer: Corrado Del Buono | © Tutti i diritti riservati | CONTATTI

PRIVACY: Questo sito utilizza cookie di terze parti (Google AdSense, Google+ e Google Analytics) per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. MAGGIORI DETTAGLI